Cos'è

Il Patrocinio rappresenta una forma importante di riconoscimento del valore civile, morale o culturale mediante il quale l’Amministrazione comunale esprime la sua simbolica adesione a un’iniziativa significativa per la Città e il suo territorio, ritenuta meritevole di apprezzamento per le sue finalità.

Chi può richiederlo

In base a quanto espresso nel Regolamento n. 373 art. 4 commi 1, 2, 4 e 5, possono richiedere il Patrocinio della Città:

  • associazioni che abbiano sede o che svolgano la loro attività sul territorio comunale e che siano iscritte nell’apposito Registro Associazioni della Città di Torino
  • comitati formalmente costituiti che abbiano sede o che svolgano la loro attività sul territorio comunale
  • soggetti “no profit” con personalità giuridica, che abbiano sede o che svolgano la loro attività sul territorio comunale
  • organismi “no profit”, anche se non hanno sede sul territorio cittadino, purché per attività o iniziative che riguardano la comunità locale
  • enti e istituzioni “no profit” quali: istituzioni scolastiche, ordini e collegi professionali, università e istituzioni culturali, scientifiche, educative, sportive, economiche e sociali di interesse nazionale, nonché altri enti nazionali ed esteri di particolare  rilevanza che svolgano attività attinenti le finalità istituzionali del Comune di Torino
  • in casi eccezionali, il Patrocinio può essere concesso a soggetti giuridici con natura commerciale o lucrativa purché le iniziative da loro promosse rivestano un rilevante interesse pubblico e siano in grado  di determinare positive ricadute per i cittadini beneficiari e per la città nel suo insieme. Oltre a tale requisito  di carattere generale, le iniziative proposte da “soggetti profit”, per essere ammesse al riconoscimento civico del Patrocinio, dovranno soddisfare almeno uno dei requisiti indicati nel Regolamento n. 373 art. 4 comma 5.
    Il Patrocinio eventualmente concesso a soggetti lucrativi non può, in ogni caso, comportare la corresponsione di contributi in servizi e/o oneri finanziari a carico del Comune.

Cosa occorre

Prendere visione della Nota informativa sulla pagina del sito della Città: www.comune.torino.it/gabinettodelsindaco/patrocini      

In allegato alla richiesta, deve essere inviata  la seguente documentazione necessariamente in formato PDF:

  • descrizione dettagliata dell’iniziativa da cui emerga, in particolare, la ricaduta dell’evento sulla città ed eventuali vantaggi per i cittadini o per l’amministrazione;
  • elenco e copia del materiale promozionale che verrà prodotto e nel quale verrà riportato, in caso di concessione, il Logo della Città: programma, comunicati, manifesti, opuscoli, inviti, supporti multimediali e qualsiasi altro materiale. Il citato materiale promozionale deve essere realizzato nel rispetto di quanto prescritto nel Regolamento Comunale recante le norme in materia di pubblicità e di pubbliche affissioni;
  • copia dell’Atto costitutivo e Statuto, regolarmente registrato all’Agenzia delle Entrate.

I soggetti interessati a ottenere il Patrocinio della Città di Torino devono compilare la domanda, almeno 30 giorni prima dell’evento.
Saranno prese in considerazione solo le domande complete della documentazione richiesta e inoltrate nei termini previsti. Oltre tale scadenza le richieste non potranno essere esaminate se non in motivati casi di urgenza e straordinarietà.

Importante

La concessione del Patrocinio non costituisce esonero o esenzione agli obblighi tributari che i beneficiari sono tenuti ad assolvere.
Il rilascio del Patrocinio non sostituisce eventuali autorizzazioni, concessioni o nullaosta richiesti per la realizzazione della manifestazione. Il soggetto organizzatore dovrà pertanto dotarsi, a propria cura e spese, di tutte le necessarie autorizzazioni, licenze e permessi vigenti al momento.
La concessione del Patrocinio non coinvolge il Comune in alcuna forma di responsabilità connessa con l’evento patrocinato, né nei riguardi degli organizzatori, né nei riguardi del pubblico, né nei confronti di terzi.
 

torna all'inizio del contenuto